340 F1

Come era ormai prassi collaudata il motore per la monoposto di F1 nato come 275, diventava 340 grazie all’aumento della cilindrata da quella originale di 3322 cm3 a quella di 4101 cm3 del secondo tipo. Un primo collaudo del motore su un telaio tipo GP49 è stato fatto durante le prove del G.P. di Francia senza però parteciparvi. Poi questa versione è stata utilizzata solo in occasione di una gara non di campionato e precisamente il G.P. delle Nazioni svoltosi a Ginevra il 30 luglio del 1950. Per questo motivo il tipo 340 non compare nell’elenco ufficiale delle monoposto Ferrari che hanno disputato il campionato mondiale di F1 ma è stato ampiamente utilizzato per vetture sport e granturismo.

Alberto Ascari
Piero Taruffi

motore

Motore longitudinale, 12V 60°
Alesaggio e corsa 80 x 68 mm
Cilindrata unitaria 341,80 cm3
Cilindrata totale 4101,66 cm3
Rapporto di compressione 12 : 1
Potenza massima 246 kW (335 CV) a 7000 giri/min
Potenza specifica 82 CV/l
Distribuzione monoalbero, 2 valvole per cilindro
Alimentazione 3 carburatori Weber 42 DCF
Lubrificazione carter secco
Frizione multidisco

telaio

Telaio tubolare in acciaio
Sospensioni anteriori indipendenti, quadrilateri trasversali, balestra trasversale inferiore, ammortizzatori idraulici Houdaille
Sospensioni posteriori ponte de Dion, doppi puntoni, balestra trasversale inferiore, ammortizzatori idraulici Houdaille
Freni a tamburo
Cambio 4 rapporti + RM
Sterzo vite senza fine e settore
Serbatoio carburante capacità 195 l
Pneumatici anteriori 5.50 x 16
Pneumatici posteriori 7.00 x 16