Accadde oggi – 18 novembre

Accadde oggi – 18 novembre

Il 18 novembre 2012 Fernando Alonso chiuse al terzo posto il Gran Premio degli USA, gara inaugurale al Circuit of the Americas di Austin, Texas. La qualifica si rivelò una specie di tormento, con Alonso e Massa che macinarono chilometri con la speranza di riuscire a mandare in temperatura le gomme. Il verdetto fu però uguale a quello di Abu Dhabi, con piazzamenti invertiti fra i due ferraristi (per la prima volta nell’anno Felipe è davanti a Fernando), peggiorato dal fatto che una penalità comminata a Maldonado avrebbe costretto entrambi a partire dal lato sporco della pista. La domenica texana fu molto lunga: cominciò la mattina con la decisione della squadra di rompere i sigilli del cambio della vettura numero 6 e di accettare la conseguente penalità, mettendo così entrambi i piloti dal lato pulito della griglia. Felipe si dimostrò ancora una volta uno straordinario uomo squadra e comprese le ragioni di una scelta difficile ma che si rivelò efficace. Al via infatti Fernando riuscì ad installarsi al quarto posto, poi diventato terzo per il ritiro di Webber, e lo stesso Felipe rimase a tiro del gruppone centrale. Il brasiliano interpretò la gara nella maniera migliore e risalì presto la china, fino ad avvicinarsi al compagno di squadra e a chiudere al quarto posto. Il podio consentì ad Alonso di tenere aperta la speranza di conquistare il titolo fino all’ultima gara: in Brasile otto giorni più tardi ci si sarebbe giocati tutto fino all’ultimo giro.

“Per come si erano messe le cose ieri pomeriggio dopo le qualifiche questo risultato va considerato positivo” – disse Domenicali al termine della corsa – “Certo, abbiamo perso qualche punto con Fernando rispetto al leader del campionato ma l’importante era limitare i danni e arrivare ad avere la possibilità di giocarci tutto all’ultima gara e così è stato. Voglio innanzitutto fare i miei complimenti a Felipe, non soltanto per la bellissima corsa di cui è stato protagonista ma soprattutto per il modo in cui ha condiviso con noi una scelta – quella di prendere consapevolmente una penalità al fine di massimizzare al meglio il potenziale alla partenza, soprattutto per il suo compagno di squadra – sicuramente difficile ma compiuta nello spirito che ci caratterizza da sempre: l’interesse della squadra viene prima di quello dei singoli. Non soltanto i fatti ci hanno dato ragione ma in più abbiamo avuto un’ulteriore conferma – anche se non ce n’era alcun bisogno – che Felipe è un uomo di squadra, una persona sincera e onesta che condivide appieno i nostri valori: di questo voglio ringraziarlo pubblicamente. Fernando ha fatto il massimo con quello che aveva oggi a disposizione, vale a dire una vettura non in grado di lottare per la vittoria: ancora una volta ha fatto un primo giro da antologia che lo ha messo nella condizione di finire sul podio.

Accadde oggi – 23 aprile

Accadde oggi – 23 aprile

A Imola il 23 aprile 2006 si corre la quarta gara della stagione. Le prime tre sono state vinte dalla Renault (due con Fernando…
Accadde oggi

Accadde oggi – 22 aprile

Il 22 aprile 1951 si corse lungo i 3.380 metri del circuito di Ospedaletti il quinto Gran Premio di San Remo. La gara prevedeva…
Accadde oggi

Accadde oggi – 21 aprile

Il 21 aprile 2004 sulla pista di Fiorano un ospite speciale compiva alcuni giri di pista al volante di una Ferrari di Formula 1.…
Altre