Gran Premio del Bahrain - Sakhir, 21/04/2013

Gran Premio del Bahrain

Bahrain International Circuit, Sakhir

Nel 2004 il Campionato del Mondo di Formula 1 approdava per la prima volta in Medio Oriente sulla pista del Bahrain International Circuit, sede del GP del Bahrain. Situato in una zona desertica a pochi chilometri da Al Manamah, la capitale bahreinita, l’impianto firmato da Hermann Tilke si contraddistingue per l’architettura delle sue costruzioni, vera e propria interpretazione delle tende beduine che si vedono nel deserto. In virtù della sua collocazione, proprio la sabbia alzata dal vento che si deposita sulla striscia d’asfalto è uno dei problemi tecnici di questo circuito, nonostante lungo i lati del tracciato venga utilizzata una sostanza realizzata per impedirne lo spostamento. La pista presenta lunghi rettilinei seguiti da curve secche, caratteristiche che richiedono alle monoposto ottime doti di trazione e frenata, mentre le ampie vie di fuga in asfalto incoraggiano le manovre di sorpasso. Un’ulteriore sfida per piloti e monoposto è rappresentata dalle elevate temperature. Una curiosità: per rispetto nei confronti della visione mediorientale sul consumo di alcool, sul podio di Sakhir i piloti non spruzzano champagne, sostituito per l’occasione da una bevanda analcolica chiamata Waard.

Occhio a…
La prima piega dopo il lungo rettilineo principale è una curva secca, ottimo punto per tentare il sorpasso all’interno. La stretta curva 10, invece, è di difficile interpretazione: con punto di corda cieco, i piloti vi arrivano frenando in discesa, rischiando di bloccare la ruota anteriore sinistra. E se c’è vento, alta la probabilità di digressioni fuori pista e testacoda.

Lo sapevi che…
Delle otto edizioni del GP del Bahrain (nel 2011 l’evento non si è disputato in seguito allo scoppio della Primavera Araba), la Scuderia Ferrari detiene la metà dei successi: dopo l’uno-due Schumacher-Barrichello nella prima edizione del 2004, Felipe Massa si è imposto sul circuito bahreinita nel 2007, ripetendosi nel 2008 accompagnato sul secondo gradino del podio dal compagno di squadra Kimi Raikkonen. Nella 2010, stagione in cui la Formula 1 utilizzò per la prima e unica volta il layout Endurance Track, la Scuderia conquistava un’altra doppietta: primo Fernando Alonso nella gara del debutto con la Scuderia, secondo Massa.

Le news della gara dello scorso anno ->

  • Vittorie

    1. 2004 SchumacherF2004
    2. 2007 MassaF2007
    3. 2008 MassaF2008
    4. 2010 AlonsoF10
  • Pole Position

    1. 2004 SchumacherF2004
    2. 2006 Schumacher248 F1
    3. 2007 MassaF2007
  • Giri più veloci in gara

    1. 2004 SchumacherF2004
    2. 2007 MassaF2007
    3. 2010 AlonsoF10
  • Podi

    1. First place:4 times
    2. Second place:4 times
    3. Third place:1 time
  • Albo d'oro

    1. 2004 M. SchumacherFERRARI
    2. 2005 F. AlonsoRENAULT
    3. 2006 F. AlonsoRENAULT
    4. 2007 F. MassaFERRARI
    5. 2008 F. MassaFERRARI
    6. 2009 J. ButtonBRAWN-MERCEDES
    7. 2010 F. AlonsoFERRARI
    8. 2012 S. VettelRED BULL-RENAULT

Aggiornato alla fine della stagione 2012

Pat Fry

GP del Bahrain – Pat Fry: “Un buon passo”

Pat Fry: “Delle novità aerodinamiche che abbiamo provato al mattino alcune sembrano funzionare bene, mentre per altre dobbiamo aspettare prima di decidere se utilizzarle…
Fernando Alonso

Le dieci perle di Alonso

Maranello, 17 aprile – A Lucio Battisti nel 1969 dieci ragazze potevano bastare ma a Fernando Alonso non possono certo essere sufficienti dieci vittorie…