Gran Premio del Bahrain - Sakhir, 19/04/2015

Gran Premio del Bahrain
Gran Premio del Bahrain

Bahrain International Circuit, Sakhir

Nel 2004 il Campionato del Mondo di Formula 1 approdava per la prima volta in Medio Oriente sulla pista del Bahrain International Circuit, sede del GP del Bahrain. Situato in una zona desertica a pochi chilometri da Al Manamah, la capitale bahreinita, l’impianto firmato da Hermann Tilke si contraddistingue per l’architettura delle sue costruzioni, vera e propria interpretazione delle tende beduine che si vedono nel deserto. In virtù della sua collocazione, proprio la sabbia alzata dal vento che si deposita sulla striscia d’asfalto è uno dei problemi tecnici di questo circuito, nonostante lungo i lati del tracciato venga utilizzata una sostanza realizzata per impedirne lo spostamento. La pista presenta lunghi rettilinei seguiti da curve secche, caratteristiche che richiedono alle monoposto ottime doti di trazione e frenata, mentre le ampie vie di fuga in asfalto incoraggiano le manovre di sorpasso. Un’ulteriore sfida per piloti e monoposto è rappresentata dalle elevate temperature. Una curiosità: per rispetto nei confronti della visione mediorientale sul consumo di alcool, sul podio di Sakhir i piloti non spruzzano champagne, sostituito per l’occasione da una bevanda analcolica chiamata Waard.

Occhio a…
La prima piega dopo il lungo rettilineo principale è una curva secca, ottimo punto per tentare il sorpasso all’interno. La stretta curva 10, invece, è di difficile interpretazione: con punto di corda cieco, i piloti vi arrivano frenando in discesa, rischiando di bloccare la ruota anteriore sinistra. E se c’è vento, alta la probabilità di digressioni fuori pista e testacoda.

Lo sapevi che…
Delle otto edizioni del GP del Bahrain (nel 2011 l’evento non si è disputato in seguito allo scoppio della Primavera Araba), la Scuderia Ferrari detiene la metà dei successi: dopo l’uno-due Schumacher-Barrichello nella prima edizione del 2004, Felipe Massa si è imposto sul circuito bahreinita nel 2007, ripetendosi nel 2008 accompagnato sul secondo gradino del podio dal compagno di squadra Kimi Raikkonen. Nella 2010, stagione in cui la Formula 1 utilizzò per la prima e unica volta il layout Endurance Track, la Scuderia conquistava un’altra doppietta: primo Fernando Alonso nella gara del debutto con la Scuderia, secondo Massa.

  • Vittorie

    1. 2004 SchumacherF2004
    2. 2007 MassaF2007
    3. 2008 MassaF2008
    4. 2010 AlonsoF10
  • Pole Position

    1. 2004 SchumacherF2004
    2. 2006 Schumacher248 F1
    3. 2007 MassaF2007
  • Giri più veloci in gara

    1. 2004 SchumacherF2004
    2. 2007 MassaF2007
    3. 2010 AlonsoF10
  • Podi

    1. First place:4 times
    2. Second place:4 times
    3. Third place:1 time
  • Albo d'oro

    1. 2004 M. SchumacherFERRARI
    2. 2005 F. AlonsoRENAULT
    3. 2006 F. AlonsoRENAULT
    4. 2007 F. MassaFERRARI
    5. 2008 F. MassaFERRARI
    6. 2009 J. ButtonBRAWN-MERCEDES
    7. 2010 F. AlonsoFERRARI
    8. 2012 S. VettelRED BULL-RENAULT
    9. 2013 S. VettelRED BULL-RENAULT
    10. 2014 L. HamiltonMERCEDES

Aggiornato alla fine della stagione 2014