Lo sviluppo della nuova macchina è incominciato già nello stesso anno del debutto, il 1947, con un primo aumento della cilindrata da 1500 cm3 a 1900 cm3 il che ha dato origine al modello 159, in base al sistema adottato di chiamare i modelli con un numero rappresentativo della cilindrata di un cilindro.

E come era successo per la 125 di cui era stata creata la versione 125 C anche per la 159 è stata creata prima la versione 159 S che ha debuttato a Pescara con Franco Cortese (2° assoluto) e poi la 159 C che ha corso a Modena l’ultima gara della stagione dove però Cortese ha dovuto ritirarsi. Le caratteristiche tecniche rimaneva in gran parte immutate salvo il già citato aumento della cilindrata e, ovviamente ,della potenza.

Motore anteriore, longitudinale, 12V 60°
Alesaggio e corsa 59 x 58 mm
Cilindrata unitaria 158,57 cm³
Cilindrata totale 1902,84 cm³
Rapporto di compressione 8,5 : 1
Potenza massima 92 kW (125 CV) a 6500 giri/min
Potenza specifica 66 CV/l
Coppia massima -
Distribuzione monoalbero, 2 valvole per cilindro
Alimentazione 3 carburatori Weber 32 DCF
Accensione mono, 2 magneti
Lubrificazione carter umido
Frizione monodisco
Telaio tubolare in acciaio
Sospensioni anteriori indipendenti, quadrilateri trasversali, balestra trasversale, ammortizzatori idraulici
Sospensioni posteriori ponte rigido, balestre semiellittiche longitudinali, ammortizzatori idraulici, barra stabilizzatrice
Freni a tamburo
Cambio 5 rapporti + RM
Sterzo vite senza fine e settore
Serbatoio carburante 72 l
Pneumatici anteriori 5.50 x 15
Pneumatici posteriori 5.50 x 15