La stagione segna il ritorno al motore V12 ma si rivela difficile per la Ferrari. Surtees vince a Spa ma non finisce la sua stagione a Maranello a causa di contrasti con Ferrari. Lo stesso destino tocca alla Dunlop, che viene rimpiazzata dalla Firestone. La squadra non partecipa a due Gran Premi (Gran Bretagna e Messico): la prima rinuncia è dovuta ad uno sciopero, la seconda a ragioni tecniche. Nel bilancio finale ci sono due vittorie – oltre a quella di Surtees c’è la doppietta di Scarfiotti e Parkes a Monza.

Il nuovo regolamento per motori aspirati di 3000 cm3 o sovralimentati di 1500 cm3 sembrerebbe favorire la Ferrari che proprio sul V12 di tre litri vanta una esperienza enorme, ma non è così: la nuova vettura è imponente, forse troppo a fronte delle rivali inglesi più leggere. Si presenta bene anche dal punto di vista aerodinamico con fiancate libere da ostacoli frutto di una ricerca che condurrà il progettista Forghieri ad essere il primo ad utilizzare gli alettoni deportanti.

Motore posteriore, longitudinale, 12V 60°
Alesaggio e corsa 77 x 53.5 mm
Cilindrata unitaria 249,12 cm3
Cilindrata totale 2989,56 cm3
Rapporto di compressione 11 : 1
Potenza massima 265 kW (360 CV) a 10.000 giri/min
Potenza specifica 120 CV/l
Coppia massima -
Distribuzione bialbero, 2 valvole per cilindro
Alimentazione iniezione indiretta Lucas
Accensione doppia, 2 spinterogeni
Lubrificazione carter secco
Frizione multidisco
Telaio semimonoscocca, tubi di acciaio e pannelli di alluminio
Sospensioni anteriori indipendenti, quadrilateri trasversali, molle elicoidali coassiali con gli ammortizzatori telescopici entrobordo, barra stabilizzatrice
Sospensioni posteriori indipendenti, braccio superiore, triangolo inferiore invertito, puntoni doppi, molle elicoidali coassiali con gli ammortizzatori telescopici, barra stabilizzatrice
Freni a disco
Cambio 5 rapporti + RM
Sterzo pignone e cremagliera
Serbatoio carburante capacità 158 l
Pneumatici anteriori 5.50 x 14
Pneumatici posteriori 7.00 x 14