Alcune monoposto di F1 sono state modificate (passo allungato e motore con cilindrata di 4400 cm3) per tentare l’avventura di Indianapolis. Una di queste è stata affidata ad Alberto Ascari per la 500 Miglia del 1952 il che spiega la sua assenza dal G.P. di Svizzera del 18 maggio (vinto da Taruffi) perché era impegnato nelle prove di qualificazione per la gara americana. L’incontro con le macchine americane, più rozze come concezione ma perfettamente adattate al particolare tipo di gara, è stato deludente in quanto Ascari dovette ritirarsi a causa della rottura di una ruota e le altre macchine, acquistate da piloti americani non riuscirono a qualificarsi.

Motore longitudinale, 12V 60°
Alesaggio e corsa 79 x 74,5 mm
Cilindrata unitaria 365,17 cm3
Cilindrata totale 4382,09 cm3
Rapporto di compressione 13 : 1
Potenza massima 279 kW (380 CV) a 7500 giri/min
Potenza specifica 87 CV/l
Coppia massima -
Distribuzione monoalbero, 2 valvole per cilindro
Alimentazione 3 carburatori Weber 40 IF4C
Accensione doppia, 1 magnete gemello
Lubrificazione carter secco
Frizione multidisco
Telaio telaio tubolare
Sospensioni anteriori indipendenti , quadrilateri trasversali, balestra trasversale inferiore, ammortizzatori idraulici Houdaille
Sospensioni posteriori ponte De Dion, doppi puntoni longitudinali, balestra trasversale inferiore, ammortizzatori idraulici Houdaille
Freni a tamburo
Cambio 4 rapporti + RM
Sterzo vite senza fine e settore
Serbatoio carburante capacità 195 l
Pneumatici anteriori 6.00 x 16
Pneumatici posteriori 7.50 x 18