De la Rosa: “Montreal, pista ricca di insidie”

De la Rosa: “Montreal, pista ricca di insidie”

Montreal, 6 giugno – Passare dal circuito di Monaco a quello del Canada è sicuramente un grande cambiamento, come spiega il collaudatore della Scuderia Ferrari, Pedro de la Rosa, a www.ferrari.com: “Per i piloti guidare a Montreal due settimane dopo Montecarlo rappresenta una variazione importante per l’impostazione di guida. Dalle basse velocità e l’elevato sottosterzo di Monaco si passa ad un tracciato con maggiori possibilità di sovrasterzo e lunghi rettilinei”.

La pista canadese rappresenta una sfida molto dura da tanti punti vista, a cominciare dai freni, fino al consumo di benzina, passando per aerodinamica e motore. Si percorrono diverse parti del circuito in piena accelerazione e questo incide moltissimo sul consumo di carburante.

“Ci sono due cose che un pilota deve sempre assicurarsi di avere in Canada” – spiega De La Rosa – “Buoni freni e la sufficiente aggressività sui cordoli. Se si affrontano nella maniera corretta, i cordoli aiutano ad entrare nei rettilinei nella maniera migliore e a realizzare così un ottimo tempo sul giro”. I piloti amano moltissimo questo circuito, anche perché ci sono diverse possibilità di sorpasso e la posizione sulla griglia di partenza non influenza più di tanto il risultato finale. Fisicamente non è particolarmente duro, perché i lunghi rettilinei permettono di allentare un po’ la tensione.

Tuttavia i salti sui cordoli e il notevole tempo che i piloti passano frenando (circa il 15% della durata totale del tempo di gara) possono provocare dolore alla parte inferiore della schiena. “Certamente il tratto più difficile, secondo me è quella tra le curve quattro e cinque” – conclude Pedro – “Bisogna salire bene sui cordoli, ma se si perde per un attimo il controllo della vettura si finisce contro il muro. I piloti possono arrivare a dover sostenere una forza pari a 5 g sul collo, ma solo per un breve tratto, sotto questo aspetto, quindi, non ci sono problemi.”

De la Rosa: “Monza, unica e speciale”

De la Rosa: “Monza, unica e speciale”

Maranello, 5 settembre - “Monza è un circuito bellissimo – racconta il collaudatore della Scuderia, Pedro de la Rosa, a www.ferrari.com – con diverse…
De la Rosa: “Gara ad alte temperature”

De la Rosa: “Gara ad alte temperature”

Budapest, 25 luglio - L’Hungaroring è un circuito senza mezze misure, odiato da alcuni piloti, amato da altri, nonostante il caldo che caratterizza sempre…
Altre