GP d'Austria - Alonso: “Il Presidente ha ragione”

GP d’Austria – Alonso: “Il Presidente ha ragione”

Spielberg, 19 giugno – Fernando Alonso ha affermato di non avere ricordi delle sue precedenti gare sul ristrutturato circuito di Spielberg che ospita il Gran Premio d’Austria di questo fine settimana. E, in effetti, i cambiamenti radicali alle strutture (sono stati rinnovati i box, le tribune e persino il media centre) hanno rivoluzionato l’impianto, del quale solo il disegno della pista è rimasto invariato. “Ricordo che è molto corto” – ha detto il pilota della Scuderia Ferrari nella conferenza stampa FIA di oggi – “Ci sono solo cinque o sei curve nelle quali puoi guadagnare qualche frazione di secondo. Mi aspetto tempi sul giro molto vicini in qualifica, uno o due decimi potranno fare una grande differenza. Dobbiamo puntare a fare un giro perfetto al sabato”.

Come è ormai consuetudine, anche in questo weekend sono state portate alcune nuove parti che verranno montate sulla F14 T: “Le proveremo nelle prove libere del venerdì e vedremo quali adottare già al sabato e quali, invece, necessitano di tempi di sviluppo più lunghi” – ha spiegato lo spagnolo – “Spero proprio che ce ne siano delle buone!”. Il discorso si è poi spostato sulle parole del Presidente Luca di Montezemolo a proposito della necessità di riunire intorno a un tavolo tutti gli attori coinvolti per parlare del futuro della Formula 1. “Penso che il Presidente abbia ragione” – ha commentato Fernando – “Lo show non è stato abbastanza interessante ad alcune gare di questa stagione, perché c’è stato un team che ha dominato nettamente e invece gli spettatori vogliono corse più eccitanti. Trovo giusto che se squadre e appassionati hanno qualche idea per migliorare lo show, queste debbano essere le benvenute”.

La recente decisione di ridurre nuovamente i test durante la stagione ha aspetti positivi e negativi secondo il pilota della Ferrari: “Mi rendo conto che è importante ridurre i costi, perché ciò significa che un maggior numero di team può sopravvivere in questa categoria, ma, dall’altra parte, lascia perplessi il fatto che questo sia l’unico sport nel quale è proibito allenarsi, e lo dico soprattutto per i piloti giovani. È difficile se la prima volta che giri nelle prove libere 1 coincide praticamente con la prima volta che prendi in mano la vettura: si tratta di un unicum che è proprio solo di questa disciplina”.

In conclusione si è parlato dell’eliminazione, dopo appena due partite, della Spagna dai Mondiali di Calcio in corso in Brasile: “Sono rimasto sorpreso ma non posso dirmi deluso” – ha affermato Alonso – “Abbiamo vinto per tanti anni, prima o poi poteva succedere che perdessimo. Tutto quello che posso fare è ringraziare la nazionale per ciò che ci ha regalato nelle ultime stagioni”.

John Surtees

Mezzo secolo fa l’impresa di Surtees

Maranello, 25 ottobre – Oggi, mezzo secolo fa, John Surtees e la Scuderia Ferrari scrivevano una delle pagine più belle della storia dello sport…
Altre