GP d'Austria - Madre Natura protagonista

GP d’Austria – Madre Natura protagonista

Spielberg, 20 giugno – I vecchi circuiti sono ricchi di storia e alcune delle piste più recenti si sono dimostrate molto ben disegnate diventando popolari. Tuttavia, il ritorno della Formula 1 in Austria ha messo in luce le abilità di un grande creatore di tracciati: Madre Natura. Gli spettatori – e ce ne erano tanti oggi – dalle tribune principali del Red Bull Ring possono godere di una vista notevole, così come accade a coloro che si posizionano in cima alla collina, sulla parte posteriore del circuito. Oggi, gli appassionati hanno potuto rivedere in azione dal vivo le vetture di Formula 1 per la prima volta dal maggio del 2003 e hanno potuto osservare Fernando Alonso e Kimi Raikkonen, due dei quattro piloti ad aver già gareggiato qui, ottenere il terzo e l’undicesimo tempo di giornata.

Per i piloti delle F14 T si è trattato di mettere in atto il tradizionale programma del venerdì, con il lavoro diviso tra la valutazione degli aggiornamenti e la verifica del comportamento delle gomme portate a Spielberg, le Soft e le Supersoft. Una leggera pioggia durante la mattinata non ha certo facilitato le cose, ma le condizioni sono state per tutti le stesse. Con l’aumentare della temperatura previsto per domani, il graining sugli pneumatici anteriori potrebbe diventare un fattore da tenere presente al momento di pianificare la strategia di gara. Prima ancora di questo, tuttavia, ci sarà da far rendere al meglio la più soffice delle due mescole perché è quella che offre un chiaro vantaggio sul giro singolo e quindi da utilizzare tassativamente nelle qualifiche di domani pomeriggio. Fernando oggi è stato in grado di sfruttare adeguatamente le Supersoft ottenendo il terzo miglior tempo, Kimi invece non è riuscito a tirarne fuori il meglio, dovendosi accontentare dell’undicesimo posto.

Nessuna sorpresa in testa al gruppo, con la Mercedes che si è confermata forza dominante. Lewis Hamilton è stato il più veloce davanti a Nico Rosberg e i due piloti sono stati gli unici a scendere al di sotto della barriera del minuto e dieci. Valtteri Bottas e Felipe Massa si sono piazzati al quarto e quinto posto con le Williams, mentre il campione del mondo in carica Sebastian Vettel ha chiuso il novero dei primi sei al volante della sua Red Bull.

Altre