GP di Abu Dhabi – Nei panni dell’altro

GP di Abu Dhabi – Nei panni dell’altro

Yas Marina, 31 ottobre – Ogni tanto fa bene calarsi nei panni dell’altro, di quello di cui ci si deve occupare magari tutti i giorni per raccontarne vittorie e sconfitte, pregi e difetti. E’ questa l’esperienza vissuta questa mattina da una dozzina di coraggiosi giornalisti italiani che hanno voluto competere sui kart insieme a Fernando Alonso e Felipe Massa. Palcoscenico dell’insolita sfida la nuova pista di kart elettrici del Ferrari World Abu Dhabi, l’ultima arrivata tra le attrazioni del primo parco tematico dedicato al Cavallino Rampante.

Lungo i 290 metri del tracciato prima i rappresentanti dei media si sono allenati in modo da essere pronti per la gara, partita con i due alfieri della Scuderia relegati in ultima fila come segno di deferenza verso gli insoliti avversari. Già nel primo giro l’agonismo ha preso il sopravvento e non sono mancati duelli senza esclusione di colpi. Difficile dire chi si sia meritato la palma d’oro della scorrettezza: quello che è certo è che se Charlie Whiting fosse stato presente avrebbe dovuto fare rapporto all’eventuale giuria in continuazione fra impeding, scarso rispetto delle bandiere gialle e incidenti vari… Peraltro, anche Fernando e Felipe si sono fatti valere a suon di ruotate: non ci stanno mai a farsi battere, figuratevi poi se si tratta di giornalisti!

“Tutti da squalificare!”- ha scherzato Fernando dopo aver tagliato il traguardo per primo – “La pista è molto scivolosa così è facile finire ruota contro ruota… Sono sicuro che il pubblico di questo magnifico parco si divertirà molto su questa pista: ci voleva un po’ d’azione vera accanto a tanti simulatori!”

L’insolito debutto agonistico non ha però distratto l’attenzione di Fernando dal vero obiettivo del fine settimana: “E’ vero che non c’è più la tensione della lotta per il titolo mondiale ma la motivazione resta al 100%. C’è un secondo posto nella classifica Costruttori da riprenderci, un risultato molto importante per la squadra, e c’è da tornare a vincere, perché non è mai bello guardare gli altri festeggiare. Sappiamo che sarà difficile: dobbiamo fare tre gare perfette – io, Felipe, tutta la squadra – per portare a casa tanti punti”.

“Cercheremo di finire il campionato nella maniera migliore possibile” – gli ha fatto eco Felipe – “Per me sarebbe bello farlo soprattutto in Brasile per concludere alla grande la mia storia in Rosso. Un voto ai giornalisti in pista? Basso, direi: se la cavano meglio con la penna o col microfono!”

Alla fine della mattinata a Felipe è stato tributato un saluto speciale da parte di tutto lo staff e il pubblico presente oggi al Ferrari World Abu Dhabi: anche se la prossima volta che ci tornerà non sarà più come pilota della Scuderia resterà sempre nei cuori di tutti i suoi tifosi.

Gara di casa per la Scuderia Ferrari

Gara di casa per la Scuderia Ferrari

Maranello, 1 settembre - Quello che si corre domenica è il 65° Gran Premio d’Italia valido per il Campionato del mondo di Formula 1…
Altre