Felipe Massa

GP di Abu Dhabi – Nella notte si scopriranno le carte

Yas Marina, 2 novembre – La realtà dei fatti vede Fernando Alonso mancare per la prima volta in questa stagione l’accesso al turno finale della sessione di qualifica. Ma c’è una distinzione tra la percezione di un simile evento, di certo non positivo, e la realtà oggettiva. Ovvero che il pilota spagnolo della Ferrari è in undicesima posizione sulla griglia di partenza, sul lato pulito della pista. In altre parole, non così negativo come il “trauma” nel vederlo rispondere alle domande dei giornalisti mentre l’ultima frazione delle qualifiche era ancora in corso. Per quanto riguarda il compagno di squadra, Felipe Massa ha avuto un buon pomeriggio, considerando le carenze della F138 su una pista dove contano qualità che non sono certamente i punti di forza della nostra monoposto, come una buona trazione in uscita dalle curve lente e la capacità di lavorare bene in condizioni di elevata temperatura. Il pilota brasiliano ha tirato fuori il massimo dalla propria vettura, prima riuscendo a entrare in Q3 per un soffio, poi issandosi fino alla quarta fila, in ottava posizione.

Felipe Massa condividerà la sua fila con la Lotus di Romain Grosjean, mentre Fernando Alonso si troverà all’interno della Force India di Paul di Resta in sesta. Con entrambe le Mercedes davanti ai nostri piloti, dato che Nico Rosberg e Lewis Hamilton hanno monopolizzato la seconda fila, così come le Lotus – oltre al già citato Grosjean, Kimi Raikkonen scatterà dalla quinta posizione – la lotta per l’obiettivo di questa parte finale di stagione, ovvero il secondo posto nella Classifica Costruttori, non sarà certamente un compito facile. In gara, quindi, si cercherà quell’inversione di tendenza verificatasi già molte volte nel corso della stagione. Gli ingredienti chiave saranno quindi le formidabili partenze dei due nostri due piloti, la loro capacità nello scavalcare gli avversari allo spegnersi del semaforo rosso, cui si devono aggiungere un buon passo gara, eccellenti pit-stop e una strategia ben studiata. Tutte le carte, quindi, si scopriranno domani una volta che calerà la notte.

Ancora una volta, saranno i due piloti della Red Bull ad avere alla partenza una visuale sul semaforo libera da intralci. Per la seconda volta in questa stagione, Mark Webber ha conquistato la pole position avendo la meglio sul compagno di squadra Sebastian Vettel.

Altre