Fernando Alonso

GP di Spagna – Alonso quinto, una penalità retrocede Massa in nona posizione

Montmelò, 11 maggio – Le prime otto monoposto sulla griglia di partenza del Gran Premio di Spagna sono tutte raccolte in meno di un secondo, avendo fatto segnare tempi che vanno da 1.20.718 a 1.21.570, ma se siete alla ricerca di un distacco ancora più esiguo, allora cosa dire del millesimo che separa Fernando Alonso e Felipe Massa? I due piloti della Ferrari hanno fatto le stesse scelte in termini di utilizzo degli pneumatici nelle tre sessioni di qualifica di questo pomeriggio, segnando quasi tempi identici che li hanno portati alla quinta e sesta posizione finale sulla lista dei tempi, con il pilota spagnolo davanti qui nella gara di casa grazie all’esiguo vantaggio, il che gli permetterà di partire dal lato pulito della terza fila. Dopo essere stato il più veloce nell’ultimo turno di prove libere questa mattina, Felipe in realtà sembrava essere in gioco per la pole position nel suo ultimo giro veloce, perdendo però poi tempo prezioso nel terzo settore. Ma il peggio doveva ancora venire per il pilota brasiliano: i Commissari di Gara, infatti, hanno ritenuto Felipe colpevole di aver ostacolato Mark Webber durante la Q2, assegnandogli così una penalizzazione di tre posizioni sulla griglia di partenza. Massa partirà quindi dalla nona posizione, all’interno della quinta fila. Felipe non è esattamente d’accordo con i Commissari, ma come sempre la squadra accetta la decisione ufficiale.

Dopo un inizio di giornata con il cielo nuvoloso in questa parte della Catalogna, con l’arrivo del sole si registrava un aumento delle temperature. Contemporaneamente, però, il vento che soffiava in senso contrario di marcia lungo il rettilineo principale aumentava d’intensità. Tutte le tre sessioni si sono disputate senza relativi problemi, con le Caterham, le Marussia e le Williams, team vincitore, e autore della pole position, del GP di Spagna della scorsa stagione con Pastor Maldonado, che non accedevano alla Q2. Era invece Jenson Button il nome importante che non riusciva a entrare in Q3. Anche se i distacchi sono stati molto marginali, si è registrato il dominio di una squadra: con Nico Rosberg autore della pole position davanti a Lewis Hamilton, quella di domani sarà una prima fila tutta argento Mercedes. In seconda fila i due piloti in testa alla Classifica Piloti, con Sebastian Vettel terzo al volante della Red Bull davanti a Kimi Raikkonen con la Lotus. Quando domani pomeriggio si spegneranno le luci rosse del semaforo, Fernando avrà al suo fianco Romain Grosjean con l’altra Lotus, mentre negli specchietti avrà le sagome della Red Bull di Mark Webber e della McLaren di Sergio Perez. Questi i tre piloti che hanno beneficiato della penalizzazione di Felipe, che avrà all’esterno Paul di Resta, decimo con la Force India.

Dal punto di vista strategico, il quinto appuntamento del Campionato del Mondo di Formula 1 di quest’anno promette di essere interessante, con tre pit-stop che sembrano essere la scelta più logica e la più rapida per completare i 66 giri del Circuit de Catalunya, anche se quattro soste ai box potrebbero essere una possibilità. Stando così le cose, i piloti non dovranno preoccuparsi molto del consumo degli pneumatici come nelle precedenti gare di questa stagione, e dovrebbero essere in grado di spingere dalla partenza fino alla bandiera a scacchi. Scegliere il momento giusto per montare gomme fresche, comunque, come sempre sarà uno dei fattori chiave della gara. Fate attenzione allo spegnersi del semaforo rosso: le F138 hanno dimostrato di essere veloci al via, e i due ferraristi, affrontando il lungo rettilineo che porta alla prima curva, non vedranno l’ora di disfarsi il più velocemente possibile di alcuni avversari.

Altre