L’unione fa la forza

L’unione fa la forza

Maranello, 19 dicembre – Uno dei punti di forza della Scuderia nell’affrontare la sfida del 2014 è costituito dalla possibilità di sviluppare insieme, sotto lo stesso simbolico tetto, il motopropulsore e la vettura che lo deve ospitare. Del resto, la Ferrari è l’unica squadra che, dal 1950 ad oggi, ha potuto anno dopo anno sfruttare questa circostanza, saltuariamente affiancata da altri costruttori. Ne è ben consapevole il Direttore Tecnico della Scuderia, James Allison, che ha avuto la possiblità di saggiare in prima persona cosa voglia dire per un progettista essere nelel condizioni in cui ci si trova alla Ferrari oppure in quelle in cui è la gran parte dei concorrenti della Rossa.

“Poter costruire insieme motore e telaio è sicuramente un bel vantaggio per la Ferrari” – ha detto James in occasione della presentazione dello 059/3 – “Altre squadre non possono fare altrettanto e mai come quest’anno sarà un’operazione complessa l’installazione della nuova power unit sul telaio della monoposto. Ho la diretta esperienza di quando ero alla Lotus: è vero che il fornitore del motore cerca di venire incontro alle tue esigenze ma non è mai la stessa cosa di quello che avviene qui, dove c’è una cultura storica legata al lavoro comune nella definizione e nello sviluppo del progetto della nuova vettura”.

“Abbiamo lavorato gomito a gomito in questi anni con i colleghi del telaio” – ha aggiunto Marmorini – “proprio perché sappiamo che non ha senso per noi motoristi spingere troppo l’enfasi sul nostro singolo progetto se poi non si adatta ad una vettura vincente. Questo è avvenuto non solamente per quanto riguarda il motore ma anche per tutto ciò che concerne gli altri elementi di questo powertrain che, come potete capire, è molto più complesso rispetto al passato”.

“Posso soltanto dirmi d’accordo con Luca” – ha concluso James – “Il discorso vale anche per un elemento che in questi ultimi anni è stato al centro dell’attenzione come gli scarichi. La loro soffiatura ha offerto delle sfide tecniche interessanti ma devo dire che, personalmente, sono lieto che siano stati eliminati e che si possa tornare a disegnare degli scarichi per sfruttare al meglio la potenza del motore”.

  • Pubblicato il: 19/12/2013
  • Categories: News