Felipe Massa

Massa: “Ci saranno tante squadre competitive”

Barcellona, 28 febbraio – È iniziata come era finita venerdì scorso la giornata di Felipe Massa alla guida della F138 con il maltempo a giocare da protagonista sul Circuit de Catalunya, sede della terza e conclusiva sessione di prove invernali in scena da oggi fino a domenica. Tuttavia la giornata si è rivelata positiva per il ferrarista perché le condizioni meteo sono state decisamente più clementi, soprattutto nel pomeriggio, quando alcuni raggi di sole e il cessare delle precipitazioni, hanno consentito al pilota e alla squadra di completare il programma previsto con la prima simulazione di gara.

Con pochi giorni di test a disposizione – dodici in totale – è consuetudine che l’ultima sessione sia dedicata a quelle che diventeranno le procedure e le operazioni da eseguire per gli addetti ai lavori durante le sessioni ufficiali ogni fine settimana di gara, da Melbourne fino a San Paolo. E nonostante il meteo abbia disturbato le prove, Felipe Massa si è dichiarato soddisfatto al termine della giornata: “Al mattino ho effettuato alcune prove sulla lunga distanza, ho provato entrambe le mescole da bagnato con diversi assetti per trovare il miglior bilanciamento della vettura e nel pomeriggio sono riuscito a completare una simulazione di gara. La macchina si è comportata bene in tutti i momenti, considerando anche le diverse condizioni del tracciato, e sono contento perché, malgrado il degrado delle gomme sia elevato, è stato interessante capirne il comportamento.”

“È difficile capire quale sia davvero la scala di valori in campo” – ha proseguito il brasiliano – “È ancora presto per dire dove sono gli altri e dove siamo noi ma quello che è facile dire è che ci saranno tante squadre competitive. I miei tempi sul giro mi sono sembrati buoni e quando nel pomeriggio ho montato le gomme da asciutto e la pista era ancora umida, ero tra i più veloci. Poi, non appena il circuito ha incominciato ad asciugarsi nell’ultima mezz’ora a disposizione, io ero arrivato alla fine dei giri previsti e avevo gomme ormai molto usurate che non mi hanno permesso di migliorarmi. È stato però raggiunto un traguardo importante: abbiamo completato una distanza di gara senza problemi né intoppi. Per quanto riguarda i pneumatici è vero che il degrado si manifesta rapidamente ma è anche normale che sia così. Sappiamo che le gomme sono cambiate dall’anno scorso e sono state studiate proprio per questo: è stata un’idea introdotta quest’anno per aumentare il numero di pit stop in gara ma, onestamente, tranne in qualche occasione dove le mescole saranno più morbide del previsto, credo ci sarà un pit-stop in più rispetto all’anno scorso.”

Felipe ha infine commentato gli sviluppi attesi per il fine settimana: “Oggi c’erano alcune piccole modifiche rispetto alla settimana scorsa mentre sabato e domenica proveremo la configurazione per l’Australia. Sappiamo che la macchina crescerà: il nostro obiettivo è arrivare a Melbourne con una buona base sulla quale costruire la stagione.”

Altre