Luca Di Montezemolo

Montezemolo a RAI TG1: “L’anno prossimo vietato sbagliare”

Maranello, 26 novembre – Un Luca di Montezemolo a 360° sulla stagione di Formula 1 appena conclusa. E’ quanto andrà in onda questa sera al telegiornale di RAI Uno delle ore 20 in un’intervista con il giornalista Marco Franzelli, di cui pubblichiamo alcuni stralci, suddivisi per argomenti

Il 2013

“Sicuramente un anno da dimenticare, una stagione deludente. I motivi sono principalmente tre e li ho ben chiari in testa. Il primo è stata l’incapacità a sviluppare la vettura nella seconda metà della stagione: voglio delle spiegazioni perché, se non ne capiamo i motivi, allora è un brutto segno. Il secondo sono le gomme, senza per questo voler cercare delle giustificazioni. Abbiamo fatto una macchina per certi pneumatici – con cui abbiamo dimostrato di essere molto competitivi. Poi le gomme sono state cambiate, determinando certamente degli svantaggi per noi e dei vantaggi per altri. Inoltre, c’è stata un’interpretazione del regolamento da parte di una squadra a dir poco strana e una relativa sentenza a dir poco pilatesca.

Se del primo motivo ne parleremo fra di noi, del secondo ne parleremo nelle sedi più opportune.

Infine, ci sono mancati i punti di Massa nel campionato Costruttori. Ora dobbiamo capire bene che cosa è accaduto quest’anno e lavorare meglio per il prossimo”.

Scarso peso politico?

“Di questa storia ne sento parlare da quando lavoravo con Enzo Ferrari negli anni Settanta. Abbiamo concluso un accordo con Ecclestone e la FIA e siamo l’unica squadra che ha un diritto di veto: più peso politico di così non è possibile! Siamo consapevoli della nostra forza nella Formula 1 che, senza di noi, sarebbe tutt’altra cosa. Detto questo, è vero che il peso lo dà anche una macchina vincente ed è questo che è mancato. Il resto sono tutte chiacchiere”.

La penalità di Massa ad Interlagos

“Penso sia stata sproporzionata ed ingiusta, così come lo è stata quella di Hamilton. Se Felipe avesse mantenuto il quarto posto saremmo arrivati secondi nel campionato Costruttori. Ogni tanto i signori che si presentano alle corse per fare gli Steward prendono delle decisioni un po’ ridicole ed anacronistiche. Bisogna stare attenti, lo dico per la credibilità, per il lavoro delle squadre che investono denaro e per i piloti che rischiano la vita”.

Alonso

“Ha ragione ad essere orgoglioso del secondo posto: ha fatto una grande stagione. Dobbiamo dargli una macchina più veloce e lui tirerà fuori il massimo. Otto anziché dieci come voto? Il mio otto vale un dieci perché questo è un voto che do come stimolo: spero di darglielo l’anno prossimo e di dare un otto, almeno, alla squadra. Per il prossimo anno vorrei regalagli una macchina ancora migliore della Red Bull. Non dimentichiamoci che lo sappiamo fare: basti pensare al quinquennio 2000-2004, ai successi del 2007 e 2008. Lo ringrazio per l’impegno e la determinazione di quest’anno e per la disponibilità a lasciare il podio a Massa domenica scorsa in Brasile, a testimonianza del bel clima che c’è nella squadra.

Non è Newey il suo avversario: lo sono i piloti, a cominciare da Vettel, da Hamilton e da un Rosberg cresciuto molto; inoltre, c’è un Raikkonen che proverà a vincere, ad essergli di stimolo e a portarci quei punti che sono mancati quest’anno”.

Coppia Alonso-Raikkonen

“Chi ha l’onore e la responsabilità di guidare per la Ferrari deve pensare prima di tutto alla squadra e non a se stesso. Nessun nostro pilota potrà mai danneggiare l’altro. Alonso è forse il più forte in gara che abbia mai incontrato, anche se è sempre difficile fare paragoni col passato. Raikkonen lo abbiamo ripreso per la sua esperienza, per quello che ha fatto in questi due anni e perché è molto amato, dentro e fuori la squadra. Mi ha fatto molto piacere l’entusiasmo per il suo ritorno, sia all’interno che all’esterno. Sono sicuro che si aiuteranno fra loro”.

Vettel

“Più forte di Senna? Ecclestone parla a seconda della convenienza ma non c’è dubbio che sia un grande pilota. E’ un ragazzo serio, che ha vinto tanto e quindi si merita rispetto. Faccio i complimenti a lui e alla Red Bull. Vettel alla Ferrari? Le vie del Signore sono infinite ma adesso i piloti non sono certo un nostro problema”.

Il 2014

“Il nostro obiettivo è fare una vettura in grado di vincere. E’ stato fatto un grande lavoro di riorganizzazione e sono arrivati – o ritornati – tecnici di valore come Allison. Ci saranno dei nuovi regolamenti che permetteranno di dare di più in aree, come il motore, dove qui c’è grande competenza. Abbiamo validi motivi per essere ottimisti: ci sono tutti gli ingredienti per vincere. Abbiamo sfiorato il successo troppe volte, ora dobbiamo vincere, spero solo che non ci siano aspetti poco limpidi che possano influire. Vietato sbagliare? Lo sarà per tutti”.

Todt ed Ecclestone

“Todt sarà confermato e mi aspetto un forte rinnovamento perché da troppi anni la Federazione è sempre la stessa e, come in tutte le cose, ci vuole un cambiamento. Detto questo, una forte autorità sportiva è da sempre una delle priorità della Ferrari. Ecclestone vede Horner come suo successore? Col passare degli anni ha sempre più piacere a fare delle battute e sono felice che abbia voglia di farle…”

Un team compatto per reagire meglio e prima

Un team compatto per reagire meglio e prima

Maranello, 1 agosto – Serata particolare per i vertici della Scuderia Ferrari che sono stati radunati un’ultima volta dal Presidente, Luca di Montezemolo, e…
Ricaricare le batterie

Ricaricare le batterie

Maranello, 16 giugno – A due mesi dalla nomina di Team Principal della Scuderia Ferrari, questa mattina Marco Mattiacci ha voluto radunare dipendenti e…
Altre