Giulio Borsari

Surtees ricorda Borsari

Maranello, 28 marzo – John Surtees era particolarmente legato a Giulio Borsari, lo storico meccanico di Formula 1 scomparso ieri all’età di 88 anni. Giulio era il capomeccanico della squadra quando John conquistò il titolo iridato nel Campionato del Mondo di Formula 1 del 1964, al volante della 158 F1. Abbiamo chiesto al pilota inglese un ricordo del suo amico italiano.

“Era una giornata triste e tetra quando entrai alla Worth Abbey per il servizio funebre di mio figlio Harry” – ha detto Surtees a www.ferrari.com – “L’unica luce che rese un po’ meno buio quel momento arrivò quando vidi lì in piedi Giulio Borsari. Il mio periodo alla Ferrari fu caratterizzato da alti e bassi ma, come mi disse Enzo Ferrari poco prima di morire, dobbiamo ricordarci le cose belle e non gli errori. Ricordo Giulio con grande affetto e gratitudine per essermi stato di grande aiuto sia nei momenti belli che in quelli brutti e per aver saputo esprimente quella speciale emozione che si vede solo in Italia quando conquistammo i nostri successi insieme.”

Giulio e John si sono incontrati un’ultima volta il 29 giugno del 2011 a Fiorano, in occasione di un evento promozionale organizzato dalla Shell. Insieme a loro c’era Fernando Alonso, che si intrattenne a lungo a parlare con entrambi: un momento di congiunzione molto significativo fra il passato e il presente della Scuderia Ferrari.

Giulio Borsari

Omaggio a Giulio Borsari

Montezemolo: “Un vero uomo Ferrari” Maranello, 28 marzo – “Un uomo di grande passione e capacità, un vero uomo Ferrari”. Così il Presidente Luca…
Altre