X

 

G

UEST

REGISTRATION

 

 

 

o

 

 
CREA ACCOUNT
 
Ferrari Racing Stories – Stagione 2016

Red Season

Una delle cose più difficili nel mondo delle corse (anzi, nel mondo in generale) è riuscire a mettere le cose nella giusta prospettiva.

Nessuno si aspettava che la stagione 2016 di Formula 1 sarebbe stata facile, per la Scuderia Ferrari. Non è mai una passeggiata, e per quanti progressi si possano fare, bisogna poi sempre metterli in relazione a quelli della concorrenza.

Di passi avanti, al secondo anno di una nuova era, ne sono stati fatti tanti.

Sono tutti documentabili e sarebbe inutile, certo, dire che sono stati sufficienti a raggiungere gli obiettivi. Ma sarebbe anche clamorosamente sbagliato confrontare questo 2016 con le peggiori annate di Maranello.

Tutto va messo in conto, anche le penalizzazioni, di qualsiasi natura, che tante volte hanno negato un podio o un risultato anche più grosso.

La SF16-H era un progetto ardito.

Frutto di una squadra ancora giovane, di una struttura rinnovata in corsa. Non sempre ha risposto alle aspettative, ma non certo per colpa di chi la guidava, dall’abitacolo e ai box. Kimi e Seb hanno lottato, hanno risposto con i fatti, con duelli e rimonte, a chi in maniera frettolosa li aveva già archiviati.

In più di un’occasione, spesso a suon di partenze brucianti, la Rossa ha spaventato anche gli avversari più titolati.

Chi l’ha vissuta da dentro, questa stagione travagliata, sa che la voglia di combattere non è mai venuta meno. Le corse sono una proiezione, un condensato della vita. Dagli errori si impara, per riemergere più forti e determinati di prima.

Si vive anche di soddisfazioni che a volte sfuggono alle statistiche. Ma non a chi sa, perché lo vive tutti i giorni, cosa significa “fare squadra”.

Arrivederci alla

PROSSIMA STAGIONE