Gran Premio del Giappone - Charles: “Pronto per la sfida di Suzuka”

10 Ott 2019

Il giovedì del Gran Premio del Giappone è stato all’insegna del cielo sereno, condizioni meteo che dovrebbero rimanere stabili anche domani, quando si svolgeranno le prime prove libere, ma che poi dovrebbero drasticamente cambiare sabato, quando il tifone Hagibis è atteso sulla Prefettura di Mie con venti fortissimi e tanta pioggia.

Meeting e track walk. In mattinata Sebastian Vettel e Charles Leclerc, che ieri è stato a Tokyo per alcuni eventi con sponsor e mercato locale, hanno effettuato la ricognizione a piedi del circuito, per verificare le condizioni dell’asfalto e iniziare a entrare in sintonia con uno dei tracciati più impegnativi di tutta la stagione. Rientrati nel paddock, sia il tedesco che il monegasco si sono riuniti con i rispettivi gruppi di ingegneri per preparare la giornata di domani, probabilmente più importante del solito dal momento che sarà l’unica adatta a lavorare in configurazione gara, che al momento è prevista asciutta.

Conferenza stampa. Charles è stato uno dei protagonisti della conferenza stampa introduttiva del Gran Premio, e il monegasco con i giornalisti ha affrontato diversi argomenti, tra cui il rapporto con Sebastian dopo quanto accaduto nei primi giri della gara di Sochi: “In Russia ci sono stati dei fraintendimenti ma ci siamo parlati e tutto è stato chiarito. Quello che conta è guardare avanti e lavorare per ottenere il miglior risultato possibile per il team”, ha affermato iniziando a parlare della gara giapponese. “Adoro Suzuka, il primo settore in modo particolare, perché è difficile ed esalta le qualità del pilota. Nessun errore è concesso qui e questo rende Suzuka particolarmente interessante – ha detto Charles -. Vedremo come si comporterà la nostra vettura qui, spero che saremo competitivi sia sull’asciutto che sul bagnato”. Nemmeno il tifone sembra spaventare Leclerc: “Sappiamo che la direzione gara prenderà tutte le decisioni necessarie a tutelare la nostra sicurezza. Se davvero non ci saranno le condizioni per scendere in pista vorrà dire che faremo la qualifica la mattina della domenica, cosa che è già successa altre volte (ndr, 2004 e 2010). Noi siamo pronti, vogliamo fare bene”.

In hospitality. Sebastian ha invece incontrato i media nell’hospitality della Scuderia Ferrari Mission Winnow dicendosi carico in vista di uno dei Gran Premi più attesi: “Qui i tifosi sono speciali, per me è particolarmente piacevole incontrarli, percepisco il loro affetto e la loro passione”. Proprio a loro il tedesco pensa anche in vista della giornata di sabato: “Credo che se avremo vento a 80 miglia all’ora e pioggia che cade di traverso non sia pensabile scendere in pista. Non tanto per noi, quanto per gli appassionati sugli spalti e tutto il personale presente in pista. Tuttavia – ha aggiunto – non è la prima volta che le previsioni si rivelano troppo pessimiste e alla fine si riesce a girare senza troppi problemi”. Sebastian ha poi analizzato la propria performance: “La vettura dopo gli ultimi aggiornamenti mi trasmette sensazioni positive e il passo tenuto nelle ultime gare, sia a Singapore che a Sochi, credo dimostri la mia maggiore confidenza. Devo migliorare il lavoro in qualifica, perché non riesco ancora a sfruttare pienamente il potenziale della SF90. Speriamo di riuscirci sin da questo fine settimana”.

Programma. Le vetture scenderanno in pista domani alle 10 e alle 14 locali (3 e 7 CET). Sabato, salvo cambiamenti dovuti al tifone, l’ultima sessione di libere sarà alle 12 (5 CET), mentre le qualifiche avranno inizio alle 15 (8 CET). Il Gran Premio del Giappone prenderà il via domenica alle 14.10 (7.10 CET).

Ultime news